Home  
Contattaci  
Fascicolo giornalisti  
Area riservata  
English version  

  La società
  Vini e distillati
Vini Italiani
Vini Francesi
Vini di Altri Paesi
Distillati Italiani
Distillati Francesi
Distillati Scozzesi
  Assistenza sommelier
  News ed eventi
  La cultura del vino
  La distribuzione
  Borgogna  

Vini Francesi

Fai una ricerca:
Digita il nome di un vino (es: Barolo) o di un produttore (es: Giacosa).

Invia



Se desideri maggiori informazioni

Il vigneto della Bourgogne, uno dei più antichi di Francia, si estende sulla lunghezza di circa 250 Km, da Auxerre al Maconnese, scendendo ben più a sud della cittadina di Villefranche-sur-Saône nella zona denominata Beaujolais. La regione è composta da 4 dipartimenti che scendono in verticale da nord a sud: l’Yonne, comprendente il comprensorio di Chablis, soprattutto; la Côte d’Or, suddivisa a sua volta in due zone ben distinte anche per la differente tipologia dei vini prodotti. A nord, la Côte de Nuits al cui centro si trova la ridente cittadina di Nuits-Saint-Georges, inizia a qualche chilometro a sud di Digione, pur assumendo la configurazione di grande Borgogna” solamente dal comune di Gevrey-Chambertin, poi Morey-Saint-Denis, Chambolle-Musigny e via via fino al punto di divisione con la Côte de Beaune segnalato in corrispondenza del villaggio di Corgoloin. Questa è la parte di Borgogna dove si producono i grandi Pinot Noir. Nomi celeberrimi e famosi in tutto il mondo per i loro grandi rossi ottenuti esclusivamente da Pinot Noir, s’inanellano uno dopo l’altro in questa porzione di Côte. La Côte de Beaune ha inizio dal menzionato villaggio di Corgoloin scendendo con inclinazione sud-sud/est fino a Chagny. La sua importanza non è minore della consorella, non più per i rossi, bensì per i bianchi ottenuti da vitigno Chardonnay. Il punto focale di tale produzione è costituito dai 3 villaggi di Puligny-Montrachet, Chassagne Montrachet e Meursault, all’interno dei quali fanno sfoggio ben 5 Grands cru in poco più di 30 ha, sebbene al di sopra della cittadina di Beaune si trovi l’altrettanto famoso Grand cru in bianco, il Corton-Charlemagne. Non va dimenticato il comune di Meursault dove risiedono numerosi Premiers cru. Una sottile striscia, a volte interrotta, unisce la Côte d’Or al Mâconnese. E’ la Côte Chalonnaise. Essa riveste assai minor importanza sia per la qualità dei vini prodotti che per l’esigua entità produttiva. Siamo così giunti nel dipartimento di Saône-et-Loire nella cui parte sud è compreso anche il Mâconnese, zona di grande sviluppo territoriale. Il 4° dipartimento, denominato Rhône, comprende le tre aree di produzione del Beaujolais, nome dato dalla zona e, particolarmente, il comprensorio dei 4 comuni dove si produce il Puilly-Fuissé, bianco eccelso da vitigno Chardonnay. La storia multisecolare della Borgogna viticola va fatta risalire ai Duchi di Borgogna, i quali, con grande lungimiranza, hanno stabilito le zone di alta vocazione sia per il Pinot Noir che per lo Chardonnay nella Côte d’Or, liberandola dal Gamay il quale trova un miglior abitat nei terreni granitici in Beaujolais.

Le cantine:

  - Maison Louis Latour
  - Domaine Comte Georges de Vogüé
  - Domaine Denis Mortet
  - Domaine Armand Rousseau
  - Domaine Bonneau du Martray
  - Domaine Antonin Guyon
  - Domaine des Lambrays
  - Domaine Tollot-Beaut & Fils
  - Domaine Trapet Père et Fils
  - Domaine Leflaive
  - Maison La Chablisienne
  - Domaine Roulot
  - Domaine Gros Frère et Soeur
  - Domaine Marquis d'Angerville
  - Domaine Bernard Dugat-Py
  - Domaine Jean Grivot
  - Domaine Pierre Matrot
  - Domaine Méo-Camuzet
  - Château de Pommard
  - Clos de Tart
  - Caves Bailly Lapierre
  - Domaine Bruno Colin
  - Domaine Bruno Clair
  - Domaine Michelot
  - Domaine de Pélican
  © Sarzi Amadè S.r.l.
Via Nino Oxilia 25/27 20127 Milano
PIVA e C.F. 06631440960 - REA 1903999
Tutti i diritti riservati